Circa 800 posti suddivisi tra platea, palchi centrali e laterali ripartiti in tre ordini di piani, una galleria non numerata (IV ordine) e il loggione (posti in piedi, V ordine). Oggi il TEATRO FRASCHINI è Teatro di Tradizione, con un ricco calendario di appuntamenti internazionali, aperto alle forme di spettacolo più attraenti del panorama italiano di prosa, musica, danza, operetta e drammaturgia contemporanea. L’Opera è il fulcro della programmazione autunnale, il Teatro presenta anche una stagione musicale che ospita regolarmente grandi orchestre e solisti di fama internazionale. Pavia rappresenta anche un punto di riferimento per tutti coloro che amano il Balletto e la Prosa, con un cartellone di danza classica e moderna e una ricchissima stagione con le migliori compagnie teatrali italiane. A pochi chilometri da Milano è il teatro più attivo sul territorio provinciale. Sede di una prestigiosa Scuola di Teatro, nata in collaborazione con l’Università di Pavia, con due corsi propedeutici alla professione dell’attore e dell’operatore di teatro sociale, attiva progetti speciali per i giovani come le prove aperte alle classi scolastiche, Opera Domani, Opera Day, spettacoli in occasione di ricorrenze storiche (es. la Giornata della Memoria), letture ed intrattenimenti per i più piccoli. Il Fraschini realizza anche una rassegna unica sul territorio lombardo, “Scuole in scena”, che presenta la maggior parte dei laboratori teatrali realizzati nelle scuole di tutta la provincia.

 

Cenni storici

Il Teatro Fraschini di Pavia è uno degli esempi settecenteschi più significativi di “teatro all’italiana”, voluto da quattro patrizi pavesi che ne affidarono il progetto ad Antonio Galli da Bibiena (1700-1774) esponente di una illustre famiglia di architetti-scenografi. La fabbrica aprì nel 1771 e il Teatro fu inaugurato, dopo solo due anni dalla commissione, con l’opera “Demetrio” di Giuseppe Mjsliveczek, libretto di Pietro Metastasio. Il Municipio acquistò il Teatro nel novembre del 1869, intitolandolo ad un celebre tenore verdiano di Pavia, Gaetano Fraschini. Rimasto miracolosamente intatto dalle origini, acusticamente perfetto, è ritornato agli antichi splendori dopo un restauro accurato. Gaetano Fraschini nel 1837 cantò a Pavia come secondo tenore nella Lucia di Lammermoor di Donizetti, nei ruoli di Hervey e di Lord Arturo; nel 1838 nell’Otello di Rossini. Cantò poi al Teatro alla Scala, al Comunale di Bologna e soprattutto al San Carlo di Napoli, del quale fu una stella indiscussa. Ma fu acclamato anche fuori dall’Italia: a Lisbona, Madrid, Vienna, Londra, San Pietroburgo e Parigi. La sua fama è legata principalmente alle sue interpretazioni verdiane. Conobbe il Maestro verosimilmente a Napoli in occasione della prima dell’Alzira. Divenne ben presto il tenore favorito di Verdi, che ne sollecitò l’impiego presso gli impresari in replica o addirittura alla prima rappresentazione. Fra queste, si possono ricordare Il Corsaro, La battaglia di Legnano, Il ballo in Maschera, La forza del destino, La Traviata. Fu anche acclamato interprete di opere di Donizetti, Bellini, Rossini, Mercadante.

Info biglietteria

Teatro Fraschini
C.so Strada Nuova 136 – Pavia
Aperta dal lunedì al sabato dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00
Aperta un’ora prima di ogni spettacolo
Tel. 0382-371214
biglietteria@teatrofraschini.org

Info gruppi

Letizia Poletti
Responsabile di Biglietteria Tel.0382.371206
lpoletti@teatrofraschini.org

Calendario STAGIONE OPERA

3, 5 Novembre 2017

Rigoletto

Direttore Pietro Rizzo
Regia Elena Barbalich

 

16, 18 Novembre 2017

Ettore Majorana. Cronaca di infinite scomparse

Direttore Jacopo Rivani
Regia Stefano Simone Pintor

 

1, 3 Dicembre 2017

La Cenerentola

Maestro concertatore e Direttore Lin Yi-Chen
Regia Arturo Cirillo

 

9, 11 Dicembre 2017

Die Zauberflöte

Direttore Federico Maria Sardelli
Regia  e Coreografia Cécile Roussat e Julien Lubek

 

 

12, 14 Gennaio 2018

Carmen

Direttore Carlo Goldstein
Regia Frédéric Roels

Piantina del teatro

Scarica qui

www.teatrofraschini.it

Logo Fondazione